Archivio della categoria Assovela

SCARLINO: IL CN VERSILIA ALLA SELEZIONE OPTIMIST

Viareggio/Torre del Lago. Dopo aver superato a fine marzo la Selezione Interzonale a Livorno, nel prossimo fine settimana il giovane timoniere Optimist Samuele Bonifazi terrà alti i colori della Scuola Vela Mankin alla 1ª Selezione Nazionale Finale Optimist in programma nelle acque di Marina di Scarlino da venerdì 23 a domenica 25 aprile. Sarà l'istruttore Stefano Querzolo ad accompagnarlo nell'importante appuntamento organizzato su delega della FIV dallo Yacht Club Isole di Toscana in collaborazione con il GVD LNI Follonica.
Nove le prove previste (non ne potranno essere corse più di 3 al giorno e sarà applicato uno scarto al compimento della quarta): la prima regata si svolgerà venerdì con segnale di avviso alle ore 12. La sede nautica della manifestazione sarà presso il Camping Piper Via delle Collacchie a Scarlino. La prima SN Finale sarà valida con qualsiasi numero di prove portate a termine. Saranno premiati i primi 5 classificati e le prime 3 classificate.
Con Samuele ci sarà anche Beniamino Giorgi del Circolo Velico di Antignano: "Io accompagnerò e seguirò Samuele e Beniamino come istruttore a Scarlino per la prima tappa della selezione, mentre Daniele Panizzi, allenatore del Circolo Velico di Antignano, accompagnerà e seguirà i ragazzi a Torbole per la seconda tappa della selezione.- ha spiegato Querzolo -Nel frattempo il Comitato II Zona FIV ha comunicato le date del Campionato Zonale Optimist che prenderà il via l'1 e 2 maggio ad Antignano nell'ambito della Settimana Velica Internazionale Accademia Navale e Città di Livorno: per Nora Rosestolato e Margherita Basili sarà la loro prima regata mentre per Niccolò Cardini un gradito rientro."
Nello scorso fine settimana, invece, i giovani velisti della Scuola Vela Mankin Adele Ferrarini, Federico Querzolo, Matteo Graziani, Tommaso Battaglia, Chiara Mori ed Irene Chimenti hanno partecipato alla Regata Nazionale Vaurien organizzata sul lago di Massaciuccoli dal CVTL Puccini.
Quattro le impegnative prove disputate da diciassette equipaggi sotto l'attenta regia degli ufficiali di regata Franco Manganelli, Beatrice Bolletti e Matteo Chimenti: infatti, dopo le quattro regate disputate sabato con un bel maestrale di 9 nodi ed una termica sostenuta, nella giornata seguente l'assenza del vento ha impedito di completare la quinta prova lasciando la classifica invariata. Una classifica interessante con quattro diversi vincitori e sette barche nei primi dieci punti segno di un equilibrio tra i regatanti.
Le Juniores Chiara Mori con Irene Chimenti, vincitrici della quarta prova grazie ad uno stile aggressivo nelle portanti, si sono aggiudicate la prima posizione nella Classifica Femminile ed il settimo posto assoluto.
La vittoria nella classifica assoluta è, invece, andata ai vicecampioni assoluti nell'ultimo mondiale di Colico, Francesco Graziani con Alessandro Golinelli (primi Master) seguiti da Maurizi-Maurizi. Ottimo terzo posto (e protagonista nella regata d'apertura) per Adele Ferrarini, classe 2006, al suo esordio in questa Classe e molto emozionata per avere a prua un carismatico pluricampione mondiale come Marco Faccenda. Per Federico Querzolo (con a prua il padre Stefano) un 13° posto davanti a Matteo Graziani con Tommaso Battaglia, 14°.
La Scuola Vela Valentin Mankin è nata nel 2016 dalla sinergia fra Club Nautico Versilia, Circolo Velico Torre del Lago Puccini e Società Velica Viareggina per essere un volano per il turismo versiliese e per promuove lo sport velico fra i giovanissimi insegnando loro non solo ad andare in barca ma anche ad amare e rispettare il mare, il lago ed il territorio.

Ufficio stampa: Paola Zanoni
Club Nautico Versilia Asd
www.clubnauticoversilia.it


Nessun commento

TARANTO: A GIUGNO I CATAMARAI F50 NEL 2° SAILGP

Taranto, 20 aprile 2021 - A pochi giorni dall'inizio della seconda stagione di SailGP, il campionato mondiale dei catamarani F50, Japan SailGP Team rinforza la propria squadra annunciando l'ingaggio di due stelle della vela internazionale: l'italiano tre volte olimpionico ed otto volte campione del mondo, Francesco Bruni, ed il britannico Chris Draper, medaglia di bronzo alle Olimpiadi 2004. I due ricopriranno, rispettivamente, i ruoli chiave di flight controller e di trimmer sin dall'evento inaugurale in programma alle Bermuda, il 24 e 25 aprile, al quale farà seguito l'Italy Sail Grand Prix, il 5 e 6 giugno a Taranto.

Dopo aver perso per pochissimi punti il titolo al termine della stagione inaugurale di SailGP, il CEO e timoniere del team giapponese Nathan Outteridge ha rafforzato il suo equipaggio in vista dell'avvio della seconda stagione. Japan SailGP Team include alcune star della vela nipponica come Leo Takahashi, Tim Morishima e Yuki Kasatani, che facevano già parte della squadra che ha brillantemente disputato la prima stagione.

Bruni si unisce al Japan SailGP Team reduce dalla recente partecipazione alla 36ma America's Cup in cui è stato co-timoniere di Luna Rossa insieme a Jimmy Spithill, che Bruni ritroverà come avversario in SailGP nella veste di timoniere del team USA. In passato, Francesco 'Checco' Bruni ha già regatato al fianco di Outteridge, in occasione della 35ma America's Cup alle Bermuda, formando una delle coppie più affiatate. Entrambi contano di rendere il team giapponese ancora più competitivo quando dovranno affrontare le altre sette migliori squadre al mondo, nel primo evento della competizione, il 'Bermuda Sail Grand Prix presented by Hamilton Princess'.

"SailGP è un evento fantastico - ha dichiarato Bruni -. Sono entusiasta di incontrare il team ed iniziare questa nuova ed eccitante avventura. Ho seguito tutta la stagione 1 e sono rimasto impressionato dalle regate, non vedo l'ora di tornare nuovamente a competere sui catamarani volanti".

Medaglia di bronzo alle Olimpiadi 2004, l'inglese Chris Draper non è novizio nel circuito SailGP: era già trimmer del team britannico durante la stagione 1. Il fuoriclasse inglese porta così alla squadra giapponese la sua vasta esperienza nel campo dei catamarani F50 che, grazie al sistema del foil, diventano vere e proprie barche volanti. Draper, oltre ad aver partecipato con uno dei top team alla prima stagione SailGP del 2019, è stato coinvolto nelle due precedenti edizioni della Coppa America.

"Ho avuto la fortuna di navigare con alcune squadre incredibili durante la mia carriera - ha dichiarato Draper -. Entrare a far parte del team giapponese è il massimo. Sono immensamente orgoglioso di correre con questo equipaggio e continuare a competere ad altissimo livello nel nostro sport. Sarà epico, siamo tutti super motivati e pronti per questa nuova sfida".

Le veliste di livello mondiale Wakako Kajimoto e Sena Takano completano la squadra giapponese per 'SailGP Season 2' e si uniranno alla squadra in diverse fasi della stagione: Kajimoto, ex campionessa nazionale ed olimpionica a Londra 2012, gareggerà alle Bermuda, in Italia e nel Regno Unito, mentre Takano, ex campionessa del mondo junior e olimpionica a Rio 2016, farà parte dell'equipaggio in Danimarca, Francia e Spagna. Una delle due atlete verrà quindi selezionata per i due ultimi eventi della stagione, in Nuova Zelanda e negli Stati Uniti.

"La stagione che si avvicina - ha dichiarato Outteridge - è davvero entusiasmante. Tanto più che partiamo con Francesco e Chris nell'equipaggio. Sono velisti verso i quali ho il massimo rispetto e che apporteranno passione ed esperienza a tutta la squadra. Con loro cresce il talento già esistente nel nostro team con Leo, Tim e Yuki e le nostre atlete Wakako e Sena. La stagione 2 sarà fantastica e con una feroce competizione. Regatare contro i migliori atleti del nostro sport, tutti a bordo di barche identiche e super veloci, in location iconiche in tutto il mondo: cosa si può desiderare di più come velisti? Con alle spalle un secondo posto in classifica nella stagione 1, quest'anno intendiamo sicuramente fare di meglio e questi nostri nuovi acquisti lo dimostrano".

'SailGP - powered by nature' è il campionato velico mondiale che gareggia per un futuro migliore, promuovendo un mondo alimentato dalla natura. Competizione di punta per i catamarani F50, SailGP presenta squadre nazionali che gareggiano su percorsi brevi ed intensi, regate di tipo stadium racing sugli specchi d'acqua più iconici di tutto il mondo. Il vincitore della seconda stagione di SailGP riceverà un premio di un milione di dollari. Durante gli otto eventi della stagione, i migliori atleti della vela internazionale si destreggiano a bordo di catamarani F50 identici, ad alta tecnologia e velocità, capaci di superare i 50 nodi (circa 100 km / h).

INTERVISTA A FRANCESCO BRUNI

Francesco Bruni è arrivato alle Bermuda per il primo evento della stagione 2 di SailGP, una stagione che il velista di Palermo disputerà a bordo di Team Japan. Lo abbiamo sentito prima dell'inizio di questo nuovo capitolo della sua carriera.

Quale sarà il tuo ruolo a bordo del catamarano F50? Ce lo descrivi?
Sarò il flight controller, la persona incaricata dei settaggi, delle regolazioni della barca ed in particolare dei foil durante il volo; queste sono barche che volano sull'acqua ad alta velocità e c'è bisogno di qualcuno a bordo che si occupi di questo aspetto.

Ed è lo stesso ruolo che hai ricoperto con Luna Rossa durante la scorsa Coppa America quando non eri al timone?
È così, ed è proprio uno dei motivi per cui Nathan Outerridge mi ha chiesto di unirmi a loro. Ha visto che occupavo quel ruolo con Luna Rossa e me l'ha proposto. Conosco Nathan da tanti anni, abbiamo lavorato insieme con il team Artemis proprio qui alle Bermuda per la Coppa America del 2017, quando eravamo entrambi timonieri.

Quindi per quanto riguarda il tipo di barca, gli F50 di SailGP, non sarà una scoperta assoluta, hai già avuto l'occasione di navigare a bordo?
Ho navigato quasi un anno su queste barche proprio per la Coppa America 2017 alle Bermuda ma in realtà erano molto diverse; nel frattempo c'è stata un'evoluzione importante e adesso vanno ancora più forte di quanto lo facessero in quell'occasione. Per cui mi fa molto piacere tornarci e continuare ad imparare. Anche se ho quasi 50 anni, esattamente 48, per me è sempre importante continuare ad imparare ed a tenermi aggiornato per rimanere all'avanguardia in questo sport che continua ad evolversi.

Checco, in questa tua lunga carriera da velista, avrai un ricordo particolare di Taranto e del suo campo di regata. Apri il cassetto dei ricordi.
A Taranto ricordo una regata con la deriva Laser quando ero molto giovane, quindi sicuramente è un bel ricordo. È una bellissima città, sono molto felice di tornare lì, anche perché per diversi anni non si sono organizzate molte regate da quelle parti. Ricordo questo porto gigantesco, naturale e molto bello, con un campo di regata particolare. Sono molto curioso e non vedo l'ora di tornare a regatare lì.

Bermuda, 15 aprile 2021


Nessun commento

OLYMPIC QUALIFICATION PER LE CLASSI ILCA – DAY 1

Primo giorno di regate a Vilamoura (POR) per l'Olympic Qualification Event per le classi singolo maschile ILCA 7 e femminile ILCA 6. Le attenzioni della vela azzurra sono tutte per la categoria maschile, dal momento che in quella femminile l'Italia ha già in tasca la qualifica per Tokyo.

Prima giornata di regate con vento medio leggero, al mattino dai 7-8 nodi fino a 10-11 nella seconda prova. Hanno regatato prima gli ILCA 6 femminili e poi gli ILCA 7 maschili: questi ultimi hanno terminato la seconda prova quasi al tramonto tornando a terra in serata.

ILCA 7 MASCHILE - Tra i velisti azzurri, i due atleti più attesi hanno fatto una partenza speculare: Alessio Spadoni (CC Aniene), ottimo nella prima manche di batteria e male nella seconda (3-33), l'inverso per Giovanni Coccoluto (Fiamme Gialle) (31-6). Il risultato è che i due timonieri dopo il primo giorno occupano rispettivamente il 31° e il 33° posto nella classifica assoluta.

Da segnalare che in testa alla classifica dopo le prime due prove c'è l'intramontabile fuoriclasse brasiliano Robert Scheidt (2-2), davanti al russo Maxim Nikolaev ed al croato Tonci Stipanovic.

Si infiamma subito la lotta tra le nazioni a caccia dei due posti olimpici in palio, e l'Italia inizia all'inseguimento, visto che sono partiti bene la Spagna (due timonieri nei primi dieci posti), il Belgio (uno al decimo posto) e la Svizzera (al tredicesimo). Ma va detto che siamo appena all'inizio, nel corso del campionato si potrà scartare la prova peggiore e la classifica assumerà una veste più definita dopo i tre giorni di Qualifiche. Sarà decisivo per gli azzurri passare il turno entrando nella fase finale con la flotta Gold, e giocarsi le proprie carte da giovedì a sabato.

Gli altri italiani dopo la prima giornata: 40 Gianmarco Planchestainer (Fiamme Gialle) (24-20), 43 Dimitri Peroni (FV Malcesine) (36-13), 45 Nicolò Villa (CV Tivano) (27-22), 52 Giacomo Musone (CN Rimini) (38-19), 73 Cesare Barabino (YC Olbia) (26-51), 113 Matteo Paulon (CV Torbole) (39-DNC).

ILCA 6 FEMMINILE - Partenza lanciata della danese Anne-Marie Rindom, la grande protagonista delle ultime stagioni: 1-1 nelle due manche di batteria, solo la greca Vasileia Karachaliou ha tenuto il passo (1-1), già staccate le altre. La pattuglia delle timoniere azzurre, non avendo l'obiettivo qualifica (l'Italia ha il pass olimpico in questa classe dal Mondiale 2018 in Olanda) ha regatato in scioltezza con alti e bassi. Rimarchevole il piazzamento della Under 19 Sara Savelli (alla prima stagione sulla categoria olimpica ILCA 6, è stata medaglia di bronzo Laser giovanile 4.7 nel 2019): con 5-21 nelle due manche occupa il 19° in generale. Le altre italiane tutte oltre il 45° posto.

CLASSIFICHE COMPLETE

I NOMI DELLA SQUADRA ITALIANA A VILAMOURA ILCA OLYMPIC QUALIFICATION

Gli azzurri ILCA 7 in ordine alfabetico: Cesare Barabino (Yacht Club Olbia), Giovanni Coccoluto (Fiamme Gialle), Giacomo Musone (Club Nautico Rimini), Matteo Paulon (Circolo Vela Torbole), Dimitri Peroni (Fraglia Vela Malcesine), Gianmarco Planchestainer (Fiamme Gialle), Alessio Spadoni (Circolo Canottieri Aniene), Nicolò Villa (Circolo Velico Tivano).

Le azzurre ILCA 6: Chiara Benini Floriani (Fraglia Vela Riva), Federica Cattarozzi (Circolo Vela Torbole), Giorgia Cingolani (Circolo Vela Torbole), Francesca Frazza (Fraglia Vela Peschiera), Sara Savelli (Circolo Vela Torbole), Matilda Talluri (Fiamme Gialle) e Silvia Zennaro (Fiamme Gialle, già scelta dalla FIV per la squadra di Tokyo).

Lo staff tecnico federale a Vilamoura vede la presenza del DT azzurro Michele Marchesini, dei tecnici Giorgio Poggi, Diego Negri, Egon Vigna, e del rule advisor Luigi Bertini.

Il programma prevede tre giorni di prove di Qualifica con le flotte divise in batterie. Da giovedì prove di Finali, con le flotte divise in Gold e Silver, fino al giorno conclusivo previsto sabato 24, con previsioni meteo variabili e vento leggero solo il primo giorno e poi in aumento nel corso della settimana.

www.federvela.it


Nessun commento

MINI 650: GRAND PRIX D’ITALIE – I VINCITORI

Ha mantenuto le promesse la seconda regata del circuito italiano della Classe Mini 650: il Gran Premio d'Italia dello Yacht Club Italiano è stato un evento intenso e ricco di colpi di scena a cominciare dalla vigilia.
A causa delle condizioni meteorologiche avverse, infatti, lo Yacht Club Italiano in accordo con la Classe Mini 650 Italiana ha deciso di posticipare la partenza a martedì 13 aprile, per evitare che la flotta si trovasse ad affrontare una depressione sul Mar Ligure. I 18 equipaggi iscritti sono quindi rimasti in stand-by lungo le banchine del Porticciolo Duca degli Abruzzi davanti alla storica sede dello YCI.

In seguito, verificata l'evoluzione meteo, il Comitato di Regata ha preso un'altra decisione chiave, optando per il percorso numero 3 previsto dal Bando. Un percorso che ha tagliato il previsto giro della Corsica, prevedendo questi passaggi dopo la partenza da Genova: Capraia, Giannutri, Isolotti Monaci, Giglio, Capraia ed arrivo a Genova. Martedì 13 aprile spettacolare la partenza con uno splendido sole e circa 10 nodi di vento in poppa, con la flotta che si è diretta subito verso Capraia.

Subito prime tattiche di navigazione e già nella prima notte il gruppo di testa ha allungato le distanze. Matteo Sericano e Giovanni Mengucci (entrambi tra gli italiani iscritti alla prossima Mini Transat di settembre) su Gigali hanno dettato il ritmo al gruppo, inseguiti da due barche vicine ed in continuo ingaggio: Alberto Riva e Fausto Cella su EdiliziAcrobatica e le due bravissime navigatrici francesi Anne-Claire Le Berre ed Amelie Grassi su Millenium.

La flotta ha continuato accompagnata da un vento stabile da Nord Est verso Giannutri, fino alla tarda mattinata quando c'è stato un calo di vento, che ha complicato la rotta in direzione Isolotti Monaci ad Est della Maddalena. Nella notte con poco vento le ragazze di Millenium hanno preso un leggero margine di vantaggio su EdiliziAcrobatica e Gigali. Il terzetto di testa è ormai definito.

Nella risalita la flotta è rimasta straordinariamente ravvicinata. Il terzetto di testa quasi sempre a vista, e la flotta degli inseguitori guidata a lungo da Dynamips, degli altri francesi Julie Simon e Vincent Lancien.

Quindi la decisione del Comitato di ridurre il percorso con l'arrivo al cancello di Capraia. Qui è stata una lunga notte ed una bella alba di arrivi. Le prime sul traguardo alle 3:43 sono state Anne-Claire Le Berre e Amelie Grassi su Millenium. Solo mezzora dopo sono arrivati Alberto Riva e Fausto Cella su EdiliziAcrobatica e ad appena due minuti il Proto di Matteo Sericano e Giovanni Mengucci, Gigali, rispettivamente alle 4:17 e 4:19.
A seguire Dynamips, Mombana, Koati, Cancer@Work, Stratos, Gintonic, Fran!! ed Elima hanno già passato il cancello Capraia terminando la regata. Tre i ritiri durante la regata, Ingegneria del Sole, Ileus VI e Stered Lostek.

Le premiazioni allo Yacht Club Italiano, officiate quando tutte le barche hanno completato il rientro in porto, hanno chiuso questa bella edizione del GPI 2021. Questi i podi nelle due categorie in gara.

Categoria SERIE
1) 1005 MILLENIUM Anne-Claire Le Berre - Amelie Grassi
2) 993 EDILIZIACROBATICA Alberto Riva - Fausto Cella
3) 963 DYNAMIPS Julie Simon - Vincent Lancien

Categoria PROTO
1) 1011 GIGALI Matteo Sericano - Giovanni Mengucci
2) 304 FRAN! Vittorio D'Eugenio - Alessandro Suardi
3) 339 ELIMA Rocco Leoni - Francesco Arnone

Prossima regata della Classe Mini 650 italiana sarà sempre a Genova, partenza da Genova Aeroporto organizzazione della LNI di Sestri Ponente, su percorso Genova, Bergeggi, Capraia, Isola Tino, Genova Sestri Ponente.

LA FIV E LA CLASSE MINI - Da alcuni anni la Federvela affianca la Classemini in attività tecniche, di formazione e di promozione. Una scelta dettata dall'evidenza che questa classe costituisce l'ingresso nel mondo della vela oceanica di alto livello, una specialità in crescita anche in Italia con nuovi navigatori emergenti, di grande impatto sul pubblico e già accostata a un possibile futuro olimpico.

www.federvela.it


Nessun commento

THE OCEAN RACE EUROPE: LA GRANDE NOVITÀ DELLA VELA

Alcuni dei migliori velisti ed equipaggi del mondo il prossimo mese affronteranno la sfida di The Ocean Race Europe, in una regata a tappe con partenza da Lorient, in Francia ed arrivo a Genova.

I team regateranno in due classi: i veloci monotipo VO65 e gli innovativi e super-tecnologici IMOCA 60. Tutti gli equipaggi avranno almeno una velista donna in squadra.

Nella classe VO65 è prevista la partecipazione di sette team, provenienti da Austria, Lituania, Messico, Paesi Bassi, Polonia e Portogallo. Tutti considerano la regata europea come un primo passo sulla rotta per l'edizione 2022-23 di The Ocean Race, che segnerà il 50mo anniversario dell'evento.

In The Ocean Race Europe faranno il loro esordio sulla scena della vela oceanica nuovi velisti che affiancheranno veterani della regata come l'olandese Bouwe Bekking, che ne ha portate a termine ben otto, e che è stato recentemente annunciato nel ruolo di skipper di Sailing Team Poland.

"Credo che The Ocean Race Europe sia un modo eccellente per mostrare al mondo che la Polonia è una delle nazioni emergenti nella vela, ed al tempo stesso che la sostenibilità ed il rispetto per l'ambiente sono elementi chiave per una crescita di successo." Ha dichiarato Bouwe Bekking.

"Da quel che vedo, molti degli altri team VO65 adotteranno lo stesso approccio di Sailing Team Poland, mescolando esperienza e gioventù. Noi abbiamo velisti come me, Pablo Arrate, Jens Dolmer, Aksel Magdhal che hanno fatto diversi giri, ma anche giovani velisti polacchi di valore, uomini e donne, che hanno ottenuto ottimi risultati nelle classi olimpiche od in regate offshore più corte e che avranno la possibilità di imparare, crescere e fare esperienza nell'ambito di The Ocean Race."

Ci saranno almeno cinque IMOCA in rappresentanza di Francia, Germania e degli USA, con la possibilità di almeno altri due team che potrebbero confermare la loro partecipazione.

"Non vediamo l'ora di navigare con il nostro IMOCA in equipaggio completo," ha detto lo skipper di LinkedOut, il transalpino Thomas Ruyant. "È un cambiamento totale, dal modo di portare la barca con il peso extra dell'equipaggio, alla nostra capacità di condurre manovre in modo più efficiente, cosa che ha un impatto anche sulla tattica. C'è molto da imparare. Abbiamo pianificato una serie di sedute di allenamento nel mese di maggio prima della partenza, per essere pronti a dare il massimo."

The Ocean Race Europe partirà dal porto bretone di Lorient, il 29 maggio, con tappe a Cascais, in Portogallo ed Alicante in Spagna, prima dell'atteso finale di Genova dove la flotta The Ocean Race arriverà per la prima storica volta, tre settimane dopo. Durante l'evento saranno disputate anche due regate costiere, che assegneranno punti bonus ai primi tre classificati.

The Ocean Race Europe - Programma
29 maggio - Partenza tappa - Lorient, Francia
5 giugno- Regata costiera - Cascais, Portogallo
6 giugno - Partenza tappa - Cascais, Portogallo
13 giugno - Partenza tappa - Alicante, Spagna
19 giugno - Regata costiera - Genova, Italia

Ogni tappa offshore durerà circa tre/quattro giorni, a seconda della distanza e delle condizioni meteo. Le regate costiere mirano a durare dalle tre alle cinque ore.

Le flotte VO65 e IMOCA regateranno in divisioni separate per aggiudicarsi il trofeo The Ocean Race Europe di classe.

Prima della partenza da Lorient, quattro equipaggi VO65 provenienti dal nord Europa, correranno The Ocean Race Europe Prologue, con tappe a Klaipeda, in Lituania; Gdynia in Polonia e Stoccolma in Svezia.

Oltre all'aspetto puramente sportivo The Ocean Race Europe sarà occasione per sostenere un forte programma di sostenibilità, con iniziative di educazione per i più giovani, raccolta di dati scientifici a bordo di alcune barche e tavole rotonde sui temi sociali ed ambientali con l'obiettivo di trovare soluzioni per la salute degli oceani e la mitigazione del cambiamento climatico. Gli equipaggi saranno invitati a partecipare al premio The Ocean Race Guardians che premierà la best practice in tema sostenibilità.

Gli organizzatori seguono uno stretto protocollo Covid-19, con test e ristrette bolle sociali per limitare l'interazione fra i velisti ed il pubblico.

Lista provvisoria degli iscritti - The Ocean Race Europe
VO65

AmberSail2 (LTU)
Austrian Ocean Race Project (AUT)
Mirpuri Foundation Racing Team (POR)
Sailing Team Poland (POL)
Viva Mexico (MEX)
VO65 - team sei - confermato - da annunciare
VO65 - team sette - confermato - da annunciare

IMOCA
11th Hour Racing Team (USA)
Bureau Vallée (FRA)
CORUM L'Epargne (FRA)
LinkedOut (FRA)
Offshore Team Germany (GER)


Nessun commento