Archivio della categoria Assovela

MEDEMBLIK REGATTA – DAY 1

Inizio con il botto da parte dell'azzurra Flavia Tartaglini (SV Guardia di Finanza) alla 35esima edizione della Medemblik Regatta in corso di svolgimento a Medemblik, in Olanda.

L'atleta delle Fiamme Gialle piazza due primi ed un secondo posto durante le tre prove odierne e si mette al comando della classifica degli RS:X femminili. Alle sue spalle, la campionessa del mondo in carica, l'olandese Lilian de Geus, e la polacca Zofia Noceti Klepacka, terza. Bene anche le altre due italiane in gara, Laura Linares (CC Roggero di Lauria) è ottava (9,6,5) e Giorgia Speciale (CC Aniene) nona (7,8,9).

Subito in evidenza negli RS:X maschili gli olandesi Kiran Badloe e Dorian Rijsselberge che si piazzano in testa alla classifica da primo e secondo; li segue al terzo posto l'israeliano Tom Reuveny. Gli azzurri sono: 11esimo Luca di Tomassi (LNI Civitavecchia); 13esimo Nicolò Renna (CS Torbole); 20esimo Carlo Ciabatti (CVWC Cagliari) e 25esimo Matteo Evangelisti (LNI Civitavecchia).

Domani - mercoledì 22 maggio - gli atleti scenderanno in acqua per affrontare il secondo giorno di regate di qualificazione sempre con tre prove in programma e primo segnale di avviso fissato per le ore 10:00.

Sito ufficiale: http://medemblikregatta.org


Nessun commento

DA OGGI LA MEDEMBLIK REGATTA – GLI ITALIANI IN GARA

Inizia oggi - martedì 21 maggio - la Medemblik Regatta Nautical Festival a Medemblik, in Olanda.
La cittadina di Medemblik è situata nella provincia dell'Olanda Settentrionale, nella regione della Frisia Occidentale e si affaccia sullo IJsselmeer, o Golfo della Frisia.

La Medemblik Regatta è organizzata in collaborazione con la Royal Netherlands Yachting Union ed il Royal Yacht Club Hollandia and Sportivents. La settimana della Regatta comprende una parte sportiva con tutti gli eventi velici ed una più di intrattenimento, il Nautical Festival, con varie attività collaterali che animeranno di luci e colori la cittadina olandese: scuola di Optimist per i bambini, la ruota panoramica, musica, spettacoli di danza e per concludere anche un floating movie dal titolo "Pirates of the Caribbean - Dead men tell no tales".

Sono presenti alla Medemblik Regatta le classi olimpiche RS:X maschile e femminile, 49er e 49erFX, la classe giovanile RS:X (8,5 U19) e le classi Hansa 303, Musto Skiff, Windfoil Surfing e Kiteboard foiling.

Nelle classi che interessano l'Italia, gli atleti da tenere d'occhio sono: la campionessa del Mondo ed Europa in carica, l'olandese Lilian de Geus e la polacca Zofia Noceti Klepacka vincitrice della Medemblik Regatta dello scorso anno per gli RS: X femminili; il Campione d'Europa 2019, l'olandese Kiran Badloe ed il pluricampione olimpico e Campione del Mondo in carica Dorian van Rijsselberge negli RS:X maschili.

A rappresentare l'Italia c'è un ristretto numero di atleti - a causa dei tanti impegni ravvicinati di questo periodo - tutti provenienti dalla classe RS:X:

Flavia Tartaglini (SV Guardia di Finanza), Giorgia Speciale (CC Aniene) e Laura Linares (CC Roggero di Lauria) negli RS:X femminili e
Carlo Ciabatti (CVWC Cagliari), Luca Di Tomassi (LNI Civitavecchia), Matteo Evangelisti (LNI Civitavecchia) e Nicolò Renna (CS Torbole) negli RS:X maschili.

Le regate iniziano oggi - martedì 21 maggio - alle ore 12:00 e si concluderanno con le Medal Race di sabato 25 maggio.

Si può seguire la regata dal sito ufficiale al seguente link http://medemblikregatta.org


Nessun commento

NAPOLI: IL CIRCOLO ITALIA PUNTA ALL’EUROPEO ORC 2020

Napoli, 21 maggio 2019 - Conclusa la Rolex Capri Sailing Week, al Circolo del Remo e della Vela Italia si lavora agli impegni futuri. A luglio il sodalizio rossoblu sarà la sede delle Universiadi per la vela, ma il programma ambizioso per il 2020 vedrà il CRV "Italia" organizzare il Campionato Europeo Orc del prossimo anno, previsto a metà maggio, con i partner dello YC Italiano e YC Capri.

Archiviata la gestione e co-organizzazione della Rolex Capri Sailing Week, con YC Italiano e YC Capri, alla quale ha partecipato una flotta di 27 maxi ed oltre 100 barche della ORC, e durante la quale sono stati assegnati il Maxi Yacht Capri Trophy a Caol Ila R di Alex Shaerer (già trionfatore del line honours nella 65.ma regata lunga dei Tre Golfi), la Mylius Cup, conquistata da Oscar 3 di Aldo Parisotto, oltre ai titoli del Campionato Nazionale del Tirreno a sette equipaggi delle classi ORC, si guarda al futuro.

È stata un'edizione memorabile per il CRV Italia, lo yacht club che ha conquistato il maggior numero di podi durante la settimana velica, aggiudicandosi la coppa messa in palio dello YC Italiano e consegnata, dal vice presidente Jean Dufour, alla premiazione nella piazzetta di Capri.

Un altro prestigioso premio è stato quello vinto da Riccardo Pavoncelli armatore Rosbeg, uno dei 3 orologi Submariner che la Rolex assegna ai vincitori della combinata dell'evento. Una vittoria da sempre sognata dall'armatore dello Swan 651 che aveva in equipaggio altri due soci del CRV Italia il presidente Roberto Mottola di Amato, olimpionico e campione mondiale Tempest nel '75 e Lars Borgstrom il trimmer napoletano protagonista di ben 4 Coppe America.

Anche alla 65ª Tre Golfi c'è stato un successo rossoblù ed anche determinante. Alex Schaerer armatore di Caol Ila R vincitore in tempo reale, è salito sul podio con il suo tattico, Francesco de Angelis, socio benemerito del Circolo Italia, ringraziandolo per la vittoria.

Altro trofeo da mettere in bacheca al circolo di Santa Lucia è quello conquistato dal vicepresidente Maurizio Pavesi con Le Coq Hardì che ha vinto il titolo di Campione nazionale del Tirreno in classe 1 "cruiser-racer" con al timone un altro socio "Italia", Picchio Milone olimpionico e campione mondiale classe Tempest.
Podio anche nella Tre Golfi Classica, tra gli yacht d'epoca, Kiwi di Fabio Ratti, ha conquistato la piazza d'onore per il circolo "Italia".

Nei piani del CRVI c'è ora l'Universiade della vela. La sede del sodalizio a Santa Lucia, infatti, accoglierà i team delle nazioni impegnate nelle regate, offrendo così la base operativa per la manifestazione mondiale dedicata agli atleti universitari.
"Abbiamo deciso con l'intero direttivo del Circolo - racconta il presidente Roberto Mottola di Amato - di concedere la nostra sede per l'occasione accogliendo una richiesta di collaborazione del comitato organizzatore partecipando così alla valorizzazione dell'immagine propositiva e fattiva della nostra città. Un ruolo sociale e sportivo che non poteva non vederci operativi per Napoli".

Dopo le regate delle Universiadi che si concluderanno il 9 luglio, si tornerà a lavorare alla prossima edizione della Rolex Capri Sailing Week con particolare attenzione al Campionato Europeo ORC, previsto nell'ambito della settimana velica a metà maggio, che la Federazione Internazionale della Vela ha assegnato al Circolo Remo e Vela Italia.
"Sarà un importante appuntamento sportivo che porterà nel golfo di Napoli molti equipaggi internazionali contribuendo così ad alzare la qualità dei partecipanti e degli armatori alla prossima RCSW - conferma Mottola - e che allo stesso tempo aumenterà la flotta degli iscritti per il 2020".

Ufficio Stampa
Circolo del Remo e della Vela Italia
www.crvitalia.it


Nessun commento

ROLEX CAPRI SAILING WEEK: UN TEAM DI 15 DONNE

Quindici donne a bordo di una barca a vela - ciascuna con una esperienza sportiva diversa, ma unite dalla passione per il mare e dal piacere di navigare - hanno costituito per la prima volta un "equipaggio" che, coordinate dalla team manager Cristiana Monina, ha partecipato alla Rolex Capri Sailing Week a bordo dello Swan 60 "Spirit of Europe". Un'impresa sportiva, certamente, ma che ha messo in luce alcune case history di interesse nella gestione del team e nel raggiungimento di un obiettivo, nello sport così come in qualsiasi altro contesto lavorativo e professionale.
A spiegarlo è proprio Cristiana Monina, CEO e founder di Cristiana Monina Nautical Events, azienda romana che da cinque anni organizza eventi relazionali e di formazione aziendale che hanno come strumento formativo proprio lo sport della vela.
"La sfida di questa regata - ha commentato Cristiana Monina - riguardava proprio quella di riuscire a integrare su una barca di 18 metri, con tutte le sue complessità, un equipaggio di veliste con esperienze diverse, dalla partecipazione ai Giochi Olimpici, a regate oceaniche, al campionato invernale vicino casa. Quindici ragazze che come equipaggio avevano solo condiviso un fine settimana ed un altro giorno di allenamento prima della regata. Poche ore insieme, durante le quali hanno imparato a conoscersi, ad interagire in vista dell'appuntamento più importante, la partecipazione alla regata".

Come team manager, quali sono le difficoltà che maggiormente hai incontrato durante questa esperienza?
"L'aspetto legato alla comunicazione all'interno del team è stato quello sul quale ho dovuto lavorare maggiormente. La presenza di ragazze con esperienze diverse, alcune già abituate a lavorare in team, altre più abituate a lavorare in solitario, è quello di far comprendere la necessità di una comunicazione costruttiva per poter correggere eventuali errori del singolo per portare ad una crescita dell'intero team".

Quanto è stato importante avere nel gruppo atlete con grande esperienza nelle classi olimpiche o nelle regate oceaniche?
"Avere a bordo atlete con un'esperienza tecnica come Giulia Conti, Giovanna Micol, Claudia Rossi, Sally Barkow e Francesca Clapcich è stato fondamentale per far camminare al meglio la barca. La loro presenza a bordo ha anche consentito di creare un trasferimento di competenze con il resto del team, indispensabile per la crescita dell'intero equipaggio e far rendere al massimo l'imbarcazione. Il lavoro delle veliste professioniste ha avuto un valore più alto con la collaborazione del resto del team impegnato a lavorare sottocoperta, nella preparazione delle vele, che in una barca così grande sono faticose da gestire e da manovrare".

Quindi possiamo dire che questa diversità di esperienze ha rappresentato un vantaggio?
"Sicuramente questa diversità fra i componenti del nostro team ha rappresentato un punto di forza. L'importante è definire tutti i ruoli a bordo, affrontare le problematiche e correggere gli errori, attraverso una comunicazione efficace e propositiva. La condivisione di informazioni ed esperienze consente di migliorare l'azione dell'intero team. Le capacità tecniche e la coordinazione di un team consentono di raggiungere equilibrio nell'equipaggio".

Quanto queste dinamiche che hai vissuto a bordo si riflettono in un sistema aziendale?
"La partecipazione con un equipaggio femminile alla Rolex Capri Sailing Week è stato ancora una volta una conferma che tutto ciò che accade in barca è esattamente tutto ciò che avviene all'interno di qualsiasi organizzazione. L'unica differenza è che a bordo di una barca a vela le criticità emergono in poco tempo rispetto ai tempi che si verificano in un processo aziendale. Attraverso la barca a vela si può riflettere sul margine di miglioramento che c'è in tutti noi, per riportarlo nella propria vita professionale od in qualsiasi altro contesto e come una comunicazione costruttiva ed efficace consente di risolvere in maniera più puntuale eventuali problematiche in qualsiasi settore. Questo fa riflettere su come si può trasformare un 'gruppo' in un team, valore che Yamamay, Jaked e Rossana Rossana Luxury Kitchens hanno alla base del loro lavoro quotidiano e che li ha spinti a salire a bordo con noi in questa impresa".

L'equipaggio di Spirit of Europe


Nessun commento

LASER 4.7 YOUTH EUROPEANS A HYÈRES – DAY 1

397 giovani velisti sono scesi in acqua oggi - lunedì 20 maggio - a Hyères per il primo giorno del Laser 4.7 Youth Europeans. Condizioni meteo con sole e mare molto mosso hanno fatto da sfondo alle prime 2 regate delle sei flotte in gara.
La spedizione italiana a Hyères è bella corposa e conta di 47 ragazzi divisi nelle flotte gialla, rossa, verde e blu e 20 ragazze smistate nelle flotte gialla e blu.
Il programma dell'evento prevede due regate di qualificazione al giorno da oggi fino a mercoledì 22 maggio; seguite poi dalle serie finali dal 23 al 25 maggio.

I primi risultati da Hyères vedono l'azzurro Niccolò Nordera (RYCC Savoia) al comando dei Laser 4.7 boys insieme al croato Roko Stipanovic ed all'olandese Paul Hameeteman. Tra i primi 50 in classificati si trovano anche: 13esimo Ilan Muccino (CV Ravennate); 30esimo Lorenzo Predari (FV Malcesine); 40esimo Attilio Borio (CV La Spezia) e 43esimo Matteo Saita (CN Bardolino).

Dopo le prime due regate, tra le ragazze dei Laser 4.7 partono forte le azzurre Maria Giulia Cicchinè (CV Portocivitanova), seconda e Beatrice Ini (CV Torbole), terza; entrambe alle spalle dell'olandese Marissa Ijben; prima. Tra le prime 50 classificate anche: settima Alessia Palanti (CV Torbole); ottava Sara Savelli (CV Bellano); 25esima Carlotta Rizzardi (CV Torbole); 33esima Sofia Sechi (YC Cannigione); 49esima Gaia Bolzonella (CV Torbole).

Domani i ragazzi scenderanno in acqua per disputare altre due regate della serie di qualificazione con primo segnale di avviso alle ore 12:00.

Questo il link del sito ufficiale per seguire l'evento https://laser.coych.org


Nessun commento