Archivio della categoria Assovela

POSTICIPATA AL 2021 LA ROLEX CAPRI SAILING WEEK 2020

A causa della diffusione della pandemia COVID-19 che sta così duramente colpendo il mondo intero, il Comitato Organizzatore della RCSW, d'intesa con FIV, ORC e IMA, ha deciso di rimandare le regate all'edizione 2021, con il seguente calendario:

Maxi Yacht Capri Trophy: 11 - 14 maggio 2021;
ORC European Championship: 15 - 21 maggio;
Regata dei Tre Golfi: partenza da Napoli a mezzanotte di sabato 15 maggio.

Il Comitato ringrazia gli armatori e gli equipaggi iscritti alle regate di quest'anno. Grazie a Loro, con oltre 180 barche da più di 25 paesi, la Rolex Capri Sailing Week 2020 sarebbe certamente stata una edizione record.

Auspicando che tutti condividerete questa nostra decisione, proponiamo ai partecipanti:

il rimborso integrale della quota di iscrizione;
la possibilità di confermare fin d'ora l'iscrizione all'edizione 2021 della Rolex Capri Sailing Week, ottenendo così l'ormeggio garantito nel Porto Turistico di Capri.

Napoli, 30 marzo 2020
IL COMITATO ORGANIZZATORE

Nessun commento

150 VELISTI ALLA REGATA VIRTUALE DI NAPOLI

Napoli, 30 marzo 2020 - Il Club Nautico della Vela, con il patrocinio del Comitato F.I.V. V zona, con il supporto delle vignette di Velacomix e la diretta streaming delle prove, commentate da Alberto Cararro e Stefano Bragadin, ha organizzato un secondo weekend della regata velica virtuale per l'assegnazione del Trofeo #ioregatoancoradacasa.
L'evento web si è svolto sulla piattaforma di gioco online "Virtual Regatta Inshore". Un weekend all'insegna della competizione con 150 velisti italiani che si sono sfidati su regate a bastone. Tra i partecipanti non sono mancati nomi di rilievo tra gli atleti impegnati nelle classi olimpiche come Alessandra Stalder, Giulio Calabrò, Giacomo Ferrari e poi Alfredo Ricci International Umpire, International Jury, International Race Officer di Wolrd Sailing ed anche due Consiglieri Federali: Fabio Colella e Ivan Branciamore. Presente anche tra i partecipanti Filippo Lanfranchi, campione del mondo in carica e-sailing 2019.
In questo periodo di apprensione legato all'emergenza, con il mondo sportivo fermo in attesa di una ripresa delle attività, l'iniziativa del Club Nautico della Vela ha regalato un weekend di "spensieratezza" ai partecipanti che non hanno dovuto attendere il vento prima di poter dar vita alla competizione. Il programma si è svolto dal pomeriggio di Venerdì, 27 marzo, ed è proseguito per tutto il weekend, con un timing schedulato al minuto e perfettamente seguito dai partecipanti. Ben 8 batterie composte da 19 giocatori che si sono affrontati per individuare i partecipanti alla Semifinale, alla Finale e quindi alla Medal Race!
Dopo tre giorni di gioco, la classifica finale ha visto vincitore Francesco Pedrotti con pedrito22, seguito da Luca Coslovich con SNPJ Luca 56124 entrambi della Società Nautica Pietas Julia di Trieste ed al Terzo posto il local Mario Prodigo del Reale Yacht Club Canottieri Savoia, con omonimo nickname boat.
Molto entusiasmante l'instancabile diretta live commentata da Alberto Carraro, con i suoi ospiti, durata più di 17 ore in tutto il weekend, seguita da un pubblico costante con oltre 80 persone collegate e con oltre 2200 visualizzazioni dei video. Ad aprire i collegamenti esterni venerdì è intervenuto il Presidente di Zona Francesco Lo Schiavo che ha ringraziato il Club Nautico della Vela ed i tre UdR della Zona che hanno dato vita all'iniziativa con Antonio Rutoli, Giulio Piccialli ed Alessandro Gambuli.
Da Napoli e dalla V Zona una raffica di entusiasmo che ha coinvolto diverse zone, tanti velisti ed appassionati, catalizzando l'attenzione anche della Federazione centrale intervenuta domenica con il Presidente federale, Francesco Ettorre e con il Vice Alessandro Mei che ha seguito tutta la fase organizzativa supportando ed incentivando l'iniziativa ed anticipando il prossimo evento virtuale a regia nazionale che la FIV lancerà nei prossimi giorni, in collaborazione con tutte le Zone.
La premiazione, che sarà trasmessa anche in diretta streaming, avverrà presso la sede del Club Nautico della Vela al termine dell'emergenza per la pandemia da COVID-19. La data verrà comunicata successivamente ai partecipanti e sui social del club.

Giulio Piccialli
Responsabile
Area Comunicazione
Club Nautico della Vela - Napoli


Nessun commento

J24: LA REGATA VIRTUALE ROMAGNOLA

Conclusa con successo, dopo tre giorni di regate combattute ed agguerrite in perfetto stile J24, il Trofeo #classeJ24dacasa, il coinvolgente Campionato Virtuale di vela ideato da due rappresentanti della Flotta J24 Romagna -Lorenzo Errani e Bunny-Roberto Valzania-, al quale hanno partecipato una ventina di equipaggi J24 rigorosamente da casa e, ovviamente, non con la propria barca ma con un cellulare, un tablet o un laptop.
"Dopo settimane di forzato riposo, il Trofeo #classej24dacasa ha riportato in acqua, almeno virtualmente, venti armatori della Classe J24 che sono tornati a darsi battaglia in serrate sfide ed in complicati giri di boa nelle acque di Sidney, Cagliari, Porto Cervo, Marsiglia...- ha spiegato Bunny -Dopo la Practice Race del venerdì sera alla quale hanno partecipato 15 equipaggi fra i quali un paio "arrivati" dalla Flotta di Roma e che è stata vinta proprio da un ospite romano, Enjoy2, è stata la volta delle sfide vere e proprie. Come da bando (ebbene sì, anche quello avevamo fatto) sabato pomeriggio alle ore 15 si sono disputati due gironi di qualificazione che hanno selezionato i dieci migliori timonieri per la finale di domenica. Come nella migliore tradizione, una incomprensione del Comitato ha poi costretto lo stesso a reinserire un escluso e si è quindi svolta una finale a undici.
Le qualificazioni sembravano indicare due favoriti: Fabio de Rossi (già storico armatore di Valhalla) e Luca Silvestri (armatore di Enjoy2). Due "stranieri" provenienti da altre Flotte. E, invece, è stata la Flotta della Romagna ad imporsi nelle acque di casa portando tre timonieri romagnoli al vertice della classifica finale. A spuntarla è stato Jacopo Ognibene che si è imposto grazie alla sua regolarità (2,5,5,2,1,2 i risultati al netto dello scarto) per un solo punto su Filippo Lelli Mani, e su un terzetto a pari punti che ha visto prevalere Federico Bressan per i migliori parziali. Una lotta condita dalle solite imprecazioni e proteste ai giri di boa, commentata in diretta chat da The Voice Fabrizio Bentini, prodiere del nostro Capo Flotta Max Frigerio che, anche se esclusi dalle finali, hanno riscaldato gli animi con i loro sarcastici commenti. Una giornata goliardica che ha riportato un po' di spensieratezza in questi momenti pesanti. E per finire... regata di flotta per tutti (anche per gli esclusi dalle finali) a testimoniare il trasporto e la partecipazione entusiasta. Ci siamo divertiti tantissimo. L'entusiasmo dei partecipanti era palpabile. I concorrenti hanno potuto seguire le regate in diretta con commenti e comunicazioni in conference call sulla piattaforma gratuita JITSI (https://meet.jit.si/J24Romagna), mentre il numeroso pubblico ha seguito le nostre regate dalla piattaforma Virtual Regatta Inshore, entrando in "corsa personalizzata" e nel nostro Trofeo. Visto l'interesse suscitato, stiamo pensando di ripetere l'iniziativa: abbiamo già sentito Tano Soriano (Capo Flotta J24 Puglia) e Marco Frullio (Capo Flotta J24 Sardegna) invitandoli a partecipare. Spero saremo in grado di continuare a gestire anche un afflusso molto maggiore con il medesimo entusiasmo e la stessa organizzazione. Chi fosse interessato può contattare il nostro Capo Flotta, Massimo Frigerio."
"Ringrazio per il duro lavoro preparatorio il mio mental coach, la cambusiera dietologa, il preparatore atletico, il rigger, lo shore team, ed i gatti per non aver camminato sulla tastiera in questa giornata decisiva.- è stato il commento a caldo del vincitore, Jacopo Ognibene -Dedico la mia futile ed immeritata vittoria a tutti quelli che stanno lottando in prima linea contro l'epidemia di coronavirus ed ai marinai della flotta J24 Romagna per come sanno stare insieme a terra ed in mare! Coraggio, la prossima volta vincerà chi lo merita! Ancora tre URRAH per @bunny e per @Lorenzo Errani per aver organizzato e gestito tutto lo sbatto!"
"Fantastico avere una classifica da leggere la domenica sera: MI MANCAVA!", è, invece, il commento di Beppe Olmeti al quale si aggiunge quello di Fabio de Rossi "Era ora! Adesso si può leggere con bramosia, frantumarsi il cervello con migliaia di calcoli: -se in quella prova non andavo di la...-, -Orcocan ero insieme con quello che ha vinto!-, -Ma se io scartavo la terza invece della quinta, quello la non aveva quella botta di culo e non cannavo la partenza...- -Magari vincevo! Ma tanto ho le vele vecchie e poi siamo sotto di 25 kg...- Mi mancava proprio! Grazie ragazzi!"

Ufficio stampa: Paola Zanoni
Associazione Italiana di Classe J24
www.j24.it

Nessun commento

TECNICA: L’ULTIMO MINUTO PRIMA DEL VIA

28 marzo - In questi giorni di #iorestoacasa approfittiamo per ripassare o apprendere alcune tecniche che normalmente usiamo in regata. Ripubblichiamo, quindi, alcuni articoli tecnici della nostra seguitissima serie "Più tattici" che uscì qualche anno fa su Fare Vela.
I testi fanno parte dei manuali North Sails considerati tra i migliori del settore della didattica.
Leggi e vedi tutto
(Michele Tognozzi - Farevela)

Nessun commento

DORINA E LA PICCOLA ETTA

Dorina viveva tra i folti boschi sotto le alte cime delle Alpi, ma un brutto giorno fu costretta a fuggire inseguita dagli spari dei cacciatori. Dorina corse e corse, spaventata e disorientata senza sapere dove stesse andando, l'unico pensiero era allontanarsi da quel pericolo mortale che sentiva alle sue spalle.
Dopo interi giorni di fuga si ritrovò in un posto a lei sconosciuto, c'erano castagni e pini ma il pendio era più dolce e, laggiù in fondo, vedeva una grande superficie azzurra. Che fosse acqua? Che fosse quel mare di cui aveva sentito parlare, ma che nessuno della sua famiglia aveva mai visto? Dorina discese ancora un po' lungo il pendio per vedere meglio e si ritrovò in un posto ancora più strano.
C'erano prati dall'erba tenera e bassa circondati da cespugli e grandi alberi, qua e là vi erano zone ricoperte da una sabbia bianca e fine che era bellissimo calpestare. E poi vi erano piccoli prati con l'erba rasatissima, ma quale animale poteva brucare così tutta quell'erbetta imperlata dalla rugiada del mattino? Dorina era così presa da quelle domande a cui non sapeva dare risposte, che si accorse degli umani solo quando sentì le loro voci vicine. Ecco, pensò, ho corso tanto per ritrovarmi nella stessa situazione e solo perché volevo vedere il mare!
Leggi tutto

(Luisa Franza)

Nessun commento