Archivio della categoria Bolina news

America’s Cup Series la prima tappa a Cagliari

È ufficiale: le prime regate in cui sarà possibile vedere in azione gli Ac 75, le nuove barche di Coppa America, si svolgeranno a Cagliari dal 23 al 26 aprile 2020 in occasione della prima tappa delle America's Cup World Series. La notizia è stata annunciata il 13 luglio durante un evento organizzato presso il New York Yacht Club, dedicato allo storico trofeo.
Sarà dunque la città sarda che ospita la base del Team Luna Rossa a inaugurare  il primo match del circuito che precede la Coppa America con protagonisti i rivoluzionari e misteriosi monoscafi volanti, al momento ancora in fase di costruzione. Cinque i team in campo: Team New Zealand, il difensore della coppa e poi gli italiani di Luna Rossa, gli inglesi di Ineos Team, gli statunitensi di American Magic e Stars+Stripes Team Usa.
“La Sardegna è rinomata per essere un campo di regata eccellente – ha dichiarato Vasco Vascotto in rappresentanza del Team Luna Rossa – Questa è una delle ragioni per cui abbiamo scelto l’isola come base per la nostra sfida alla 36^ America’s Cup. Non vediamo l’ora di dare il benvenuto agli altri team e ai fan delle America’s Cup World Series per quella che, siamo sicuri, sarà una spettacolare tappa inaugurale.”

Nessun commento

Foiling Week sul Garda spazio alle barche “volanti”

Regate ad alta velocità, spettacolari evoluzioni, ma anche convegni e design challenge dedicati a tecnologia e progettazione, sono questi gli ingredienti della Foiling Week, l'appuntamento annuale per gli scafi che navigano sollevandosi sulla superficie dell'acqua grazie a speciali appendici (foil). La sesta edizione dell'evento si svolge dall'11 al 14 luglio a Malcesine, sul lago di Garda, quattro giorni con un ricco programma di appuntamenti, sia in acqua che a terra. I campi di regata allestiti nella località gardesana ospitano, tra gli altri, catamarani di Classe A, Moth, Waszp, Flyng Phantom, S9 e decine di prototipi. La manifestazione infatti oltre l'aspetto competitivo è l'occasione per fare il punto sullo stato dell'arte della tecnologia foil; per questo non solo velisti ma anche progettisti, costruttori, studenti e molti appassionati affollano il Garda durante queste intense giornate.

Tra i tanti eventi in calendario ci sono le iniziative "Foiling SuMoth Challenge", che invita gli studenti di design nautico a disegnare barche ad alte prestazioni tenendo in conto gli impatti ambientali, sociali ed economici, e la "Multi-Purpose eFoiler design challenge", riservata ai professionisti del settore che dovranno invece ideare un nuovo concetto di hydrofoil elettrico per promuovere il trasporto in acqua energeticamente efficiente. Prevista inoltre per il pubblico la possibilità di effettuare test gratuiti sulle barche. Il Gurit Forum infine raccoglie giornalmente workshop e incontri con i grandi protagonisti della vela, della progettazione e del design.

Nessun commento

Parte la 50° Transpac e c’è anche Soldini

C'è una nuova sfida per Giovanni Soldini e il team del suo trimarano Maserati Multi 70. Si tratta della Transpac (Transpacific Yacht Race) regata biennale che salpa da Los Angeles per raggiungere Honolulu alle Hawaii, una galoppata di 2.225 miglia in Pacifico dove a predominare in genere sono le andature portanti. Questa 50° edizione della gara inizia giovedì 10 luglio con la prima delle tre partenze previste per le diverse classi iscritte. Sabato 13 luglio sarà la volta dei monoscafi della Divisione 1 e 2 e dei multiscafi della Divisione 0 tra i quali c'è Maserati e i due Mod 70 Argo e PowerPlay, "diretti avversari" degli italiani.  Il team del trimarano con il tridente sta proseguendo il suo lavoro di ricerca e sperimentazione per ottimizzare le performance di “volo”. «Nell’ultima regata, la CA 500 – ha spiegato Soldini – abbiamo svolto dei test che ci hanno aiutato a sviluppare ulteriormente il sistema di timoni. Abbiamo già fatto delle prove in mare e sembra funzionare tutto molto bene». Insieme a Giovanni ci saranno Alberto Bona, Guido Brogi (randista), Carlos Hernandez Robyana (tailer), Olivier Herrera Perez (prodiere), Nico Malingri (grinder e tailer), Francois Robert (pitman), Matteo Soldini (grinder e tailer). Il via è previsto alle ore 12,30 (le 21,30 in Italia), il record da battere, per i multiscafi, è di 4 giorni, 6 ore e 32 minuti, stabilito da “Might Merloe” nel 2017.

Nessun commento

Nasce “The Race Around” giro del mondo per Class 40

Il fascino del giro del mondo coinvolge anche i Class 40. La Manuka Sports Event Management insieme a 5 Oceans Sports Marketing, due dei più grandi organizzatori di eventi velici, hanno annunciato che nel 2023 si svolgerà la The Race Around, una regata per equipaggi in doppio con partenza e arrivo in Portogallo e un percorso intorno al globo che segue la “classica” rotta da Ovest verso Est doppiando i tre grandi capi (Buona Speranza, Leeuwin e Horn). Sarà caratterizzata da un prologo che si svolgerà nel Nord Europa e da cinque tappe previste in Portogallo, Sudafrica, Nuova Zelanda e Brasile (sconosciute ancora le località). Gli organizzatori hanno comunicato che la regata si ripeterà ogni 4 anni ed è stata scelta la data del 2023 per la partenza in modo da lasciare il tempo agli equipaggi interessati di percorrere le miglia necessarie per qualificarsi. La gara sarà aperta a professionisti e dilettanti, purché soddisfino gli standard di sicurezza previsti nel “Regolamento Speciale 0” di World Sailing, la Federazione Mondiale della Vela. Il 2023 è stato scelto anche per non sovrapporsi alla Route du Rhum 2022, storica transatlantica alla quale partecipa anche una flotta numerosa di Class 40.

Dopo gli Imoca 60 e i Vor 65 impiegati rispettivamente nel giro del mondo in solitario “Vendée Globe” e in quello in equipaggio “The Ocean Race”, anche i Class 40 avranno quindi un periplo del pianeta con il quale misurarsi. Una categoria di barche molto apprezzata dai velisti e intorno al quale c'è grande fermento in questo ultimo periodo, infatti la “The Race Around” è stata stata annunciata poche settimane dopo il “Globe 40, La Grande Route”: altro giro del mondo in doppio, in otto tappe, con partenza nel 2021 dalla Francia. Forse, troppa carne al fuoco.

Nessun commento

Discriminazioni di genere un sondaggio di World Sailing

Nello sport la differenza di genere è sempre più al centro dell'attenzione e le iniziative per evitare discriminazioni tra uomini e donne nelle competizioni si moltiplicano. Compresa la vela, dove le “quote rosa” per esempio sono state adottate già da tempo nella Volvo Ocean Race, il giro del mondo a tappe in equipaggio, ma soprattutto nelle classi olimpiche in cui la parità di genere tra i partecipanti da obiettivo da inseguire è diventato un precetto da applicare entro i Giochi di Parigi del 2024. Da qui la nascita di nuove classi “miste”, come il 470 o la nuova deriva d'altura.

Per fare il punto sulle “donne e la vela” ora arriva un sondaggio promosso dal World Sailing Trust, associazione benefica sostenuta dalla Federazione mondiale della Vela e presieduta dalla navigatrice Dee Caffari. Fa parte di una “Strategic Review” condotta da un team che cerca di capire i motivi delle disuguaglianze negli sport velici a ogni livello e cerca di eliminarle. I risultati del sondaggio, insieme a una ricerca sulle azioni più efficaci da attuare in modo globale, serviranno per elaborare una serie di indicazioni e di programmi di lavoro per sostenere donne e ragazze nella vela. Il sondaggio, che sarà discusso anche a ottobre nella conferenza annuale della federvela mondiale a Bermuda, è aperto a tutti e può essere raggiunto da qui.

Nessun commento