Archivio della categoria Bolina news

Vela Latina in Centro. A Sassari un festival dedicato al mare

Il festival "Vela Latina in Centro" apre i battenti martedi 19 novembre in via Cavour, nel centro storico di Sassari, e fino al 31 dicembre propone un palinsesto ricco di eventi culturali volti a promuovere la cultura sarda e la vela latina quale patrimonio storico-culturale della Sardegna.

L'iniziativa, organizzata dall'Associazione ccn Centro Cavour e patrocinata dalle maggiori istituzioni locali e dall'Accademia di Belle Arti, coinvolge circoli velici e associazioni di vela latina che operano sul territorio regionale e che esporranno al pubblico le loro pregiate barche tradizionali.

Oltre 80 istituti scolastici tra scuole medie e superiori hanno già aderito alle proposte culturali che trasformeranno la città in un grande palcoscenico. I cortili e i giardini degli edifici storici saranno allestiti per ospitare mostre fotografiche ed eventi dedicati al mare. Una opportunità per guardare con occhi diversi alla grande distesa blu.  

 

(Roberta Tofful)

Nessun commento

Jaques Vabre: primi arrivi a Salvador de Bahia

I più veloci della flotta in gara alla Transat Jaques Vabre hanno superato la linea d'arrivo di Salvador de Bahia dopo 11 giorni dalla partenza da Le Havre. Groupe GCA-Millet et un Sourires, il multi 50 al comando di Gilles Lamiré e Antoine Carpentier è stata la prima a fare trionfalmente ingresso nella baia di Ognissanti l'8 novembre alle ore 5.49 utc. Seguono rispettivamente alle 15,53 dell'8 novembre e alle 13,24 del 9, Solidaires en Peloton-Arsep e Primonial.

In testa alla classe Imoca si è invece imposto Apivia di Charlie Dalin e Jann Elies, giunto al traguardo il 10. Sono seguiti lo stesso giorno PRB di Kevin Escoffier e Nicolas Lunven e Charal con Jérémie Beyou e Christhofer Pratt, terzo per soli 7 minuti di distacco.

Si attende ora l'arrivo dei primi Class 40. A guidare la flotta due francesi, Ian Lipinski e Adrien Hardy che su Crédit Mutuel si trovano a circa 690 mn dal traguardo, seguiti a breve distanza dalla coppia Goodchild-Delahaye a bordo di Leyton.

L'Imoca Prysmiam Group del toscano Giancarlo Pedote in gara con Anthony Marchand, occupa al momento la 17° posizione. La scelta di procedere a Ovest all'uscita del Golfo di Biscaglia ha penalizzato il team italo-francese così come gli inglesi Alex Thomson e Neal McDonald, tra i favoriti all'inizio della competizione. Il loro Imoca 60 di ultima generazione Hugo Boss si è visto costretto ad abbandonare la gara dopo la virata verso Ovest, a causa dell'urto con un oggetto galleggiante che ha causato la rottura della chiglia.

(Roberta Tofful)

Nessun commento

Bolina sbarca su Telegram

È operativo l'account Telegram della nostra testata. Attraverso questa piattaforma è possibile inviare quesiti, media, allegati o note alla nostra segreteria di redazione. Basta scaricare la app e cercare tra i contatti “Bolina rivista”. Il servizio è attivo da lunedì a giovedì dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 14 alle ore 18. Il venerdì dalle ore 9 alle ore 13.

Aperto anche il gruppo BolinaInforma esclusivo per "boliniani" raggiungibile all'indirizzo https://t.me/BolinaInforma e dove sarà possibile ricevere lanci di notizie, comunicazioni, anteprime e documenti.

Cos'è Telegram?
Telegram è un'app di messaggistica focalizzata su velocità e sicurezza, è superveloce, semplice e gratuita. Puoi utilizzare Telegram su tutti i tuoi dispositivi contemporaneamente: i tuoi messaggi si sincronizzano perfettamente su qualsiasi numero di telefono, tablet o pc.
Con Telegram puoi inviare messaggi, foto, video e file di qualsiasi tipo (doc, zip, mp3, ecc.), nonché creare gruppi per un massimo di 200.000 persone o canali per la trasmissione a un pubblico illimitato. Puoi scrivere ai tuoi contatti telefonici e trovare persone in base al loro nome utente. Di conseguenza, Telegram è come SMS ed e-mail combinati.

Perché Telegram e non WhatsApp?
A differenza di WhatsApp, Telegram è un messenger basato su cloud con sincronizzazione perfetta. Di conseguenza, puoi accedere ai tuoi messaggi da più dispositivi contemporaneamente, inclusi tablet e computer, e condividere un numero illimitato di foto, video e file (doc, zip, mp3, etc.) Fino a 1,5 GB ciascuno. E se non vuoi archiviare tutti quei dati sul tuo dispositivo, puoi sempre tenerli nel cloud.
Telegram è più veloce e molto più sicuro. Inoltre è gratuito e rimarrà gratuito - senza pubblicità, senza costi di abbonamento, per sempre.

Come lo scarico?
Ecco i link diretti.
Smartphone:
iOS: https://apps.apple.com/app/telegram-messenger/id686449807
Android: https://play.google.com/store/apps/details?id=org.telegram.messenger
Windows Phone: https://www.microsoft.com/it-it/p/telegram-messenger/9wzdncrdzhs0?rtc=1&activetab=pivot:overviewtab

Pc: https://desktop.telegram.org

A presto!

 

(Roberta Tofful)
 

Nessun commento

Francia-isole Mauritius record per Francis Joyon

Meno uno! Francis Joyon ha migliorato di oltre 6 giorni il record sulla rotta da Lorient, in Francia a Port Louis, isole Mauritius. A bordo del maxi trimarano Idec Sport (31,5 metri) il navigatore francese ha impiegato 19 giorni, 18 ore, 14 minuti e 45 secondi per completare in solitario la rotta di 8.800 miglia da lui stesso inserita nel circuito dei record velici nel 2009, quando per primo ne aveva segnato il tempo di riferimento.

La cosiddetta Mauritius Route non è che il primo atto della nuova campagna di record oceanici con cui l'indomito 63enne, con all'attivo un invidiabile palmares di primati oceanici (tra cui il Trofeo Jules Verne del 2017) intende misurarsi.
Tra dicembre 2019 e gennaio 2020 Idec sarà infatti impegnato a stabilire nuovi tempi di riferimento, questa volta in equipaggio sulle rotte Port Louis-Ho Chi Minh (Vietnam) e Ho Chi Minh-Shenzen (Cina).
Quindi, a fine gennaio tenterà di soffiare il primato a Giovanni Soldini e Maserati sulla Rotta del Tè, 13.000 miglia da Hong Kong a Londra che il navigatore italiano e il suo equipaggio nel 2018 hanno percorso in 36 giorni 2 ore e 37 minuti.

(Roberta Tofful)

Nessun commento

Mini Transat. Problemi al timone per Sericano e Buonanni

Ieri pomeriggio i due italiani in gara avevano dato comunicazione all'organizzazione della regata di avere problemi tecnici. I controlli effettuati dalle imbarcazioni di supporto hanno evidenziato per entrambi un guasto al timone che li ha costretti a volgere la prua verso Mindelo, nelle isole di Capo Verde. Alle 16 UTC di ieri Sericano e Bonanni si trovavano rispettivamente a 200 e 350 miglia di distanza dall'arcipelago.
Questa mattina sembra però che Marco Buonanni, 36enne napoletano esordiente in Classe Serie, abbia arginato il guasto e sia tornato in gara e le immagini cartografiche lo raffigurano tra le altre imbarcazioni in gara in 59° posizione.
Il genovese Matteo Sericano, Classe Proto, il più giovane tra gli italiani (20 anni) a partecipare alla Mini Transat, si dirige ancora verso Capo Verde dove avrà a disposizione 12 ore per riparare il guasto al timone e riprendere il largo.

                                                                         (Roberta Tofful)
 

Nessun commento