Ladispoli: kitsurfer aspirato da un elicottero


Risucchiato dalle pale di un elicottero e scaraventato sulla spiaggia. È ricoverato in prognosi riservata al Policlinico Gemelli di Roma Alessando Ognibene, 50, il kiter che nel pomeriggio di giovedi 4 ottobre è stato letteralmente aspirato dal vortice creato da un elicottero militare (forse maltese) mentre stava facendo kitesurfing vicino la costa per poi precipitare sul litorale riportando numerose lesioni interne. Si trovava a Ladispoli, alle porte di Roma, nella zona della palude di Torre Flavia, un'area naturale protetta e piuttosto isolata. Secondo quanto riferito da diversi testimoni, sul litorale da giorni molti velivoli militari volavano spesso anche a meno di 100 metri dalla superficie del mare; come se fosse in corso un'esercitazione. L'elicottero che ha risucchiato Ognibene sarebbe un Augusta Westland Aw 139. La procura militare e la procura di Civitavecchia hanno aperto due inchieste per chiarire l'accaduto.

 

I commenti sono chiusi.