Archivio della categoria Bolina news

Dalla Fiv arriva l’app del velista

Si chiama MyFedervela la nuova app della Fiv. Gratuita e disponibile per i sistemi Android e iOS, è uno strumento che consente di rimanere in contatto con la federazione tramite smartphone e tablet visualizzando la propria tessera in formato digitale, gestendo i vari documenti (certificato di stazza, assicurazione, etc.) e anche monitorando le sessioni di allenamento e condividerle con il coach.
L'applicazione è gratuita e permette anche di consultare le normative Fiv, il Regolamento di Regata, partecipare ai percorsi formativi della federazione e ricevere comunicazioni, come per esempio la scadenza del certificato medico. Attraverso  la sezione “Regate”, l'app può essere usata poi per visualizzare le gare delle varie “zone” ed effettuare la preiscrizione on-line. Una volta a regime MyFedervela conterrà tutte le informazioni della carriera degli atleti, in modo da poter calcolare il ranking per le classi e rendere visibili i vari risultati delle regate.

Nessun commento

È nata in Italia l’Associazione Multiscafi

I multiscafi sono sempre più protagonisti nel panorama velico internazionale. E anche in Italia, anche se più lentamente, queste barche si stanno diffondendo, anche se non sempre supportate. Una situazione a cui un gruppo di velisti pugliesi ha deciso di porre rimedio costituendo l'Associazione Italiana Multiscafi (Aim) che si pone l'obiettivo di creare una rete nazionale per mettere in contatto armatori e appassionati di catamarani e trimarani. Nonostante il numero crescente di multiscafi nella penisola, la maggioranza viene utilizzata nel charter, mentre rimane difficile assistere ad attività sociali o regate tra armatori. Per esempio, fanno notare i promotori dell'associazione, alla Brindisi-Corfù del 2017 su 113 partecipanti erano presenti 8 multiscafi, un numero in crescita rispetto agli anni passati che però diventa quasi nullo in altri importanti eventi.

L'idea dell'associazione è nata a metà del 2017 e si è concretizzata a fine gennaio 2018, anche con l'apertura di una pagina su facebook, l'attivazione di un indirizzo di posta elettronica e di un sito internet dove sono riportati i principali scopi così come elencati di seguito:
1. mettere in collegamento gli armatori dei multiscafi;
2. proporre agli organizzatori delle regate dei criteri condivisi per stilare classifiche che possano mettere a confronto i diversi tipi di multiscafi;
3. collaborare per la creazione di equipaggi per le regate;
4. organizzare eventi riservati ai multiscafi;
5. diffondere informazioni utili per gli appassionati di multiscafi;
6. promuove lo sport della vela, la tutela dell’ambiente marino, lo spirito di lealtà e la collaborazione che deve caratterizzare tutti coloro che vanno per mare, sia per diletto che per lo svolgimento di attività sportive.

Nessun commento

Nacra 17: Bressani si rompe due costole

La classe Nacra 17 è nell'occhio del ciclone. Dopo l'incidente avvenuto al prodiere danese Christian Stephson caduto in mare il 5 febbraio durante una regata nelle acque di Auckland (Nuova Zelanda) e ferito gravemente a una gamba dopo essere stato colpito dal timone del multiscafo (leggi la notizia) il 14 febbraio è toccato al nostro Lorenzo Bressani che in allenamento a Cagliati a bordo del suo Nacra 17 ha subito un'ingavonata al lasco mentre si approssimava al lato di partenza della sessione di allenamento: “Abbiamo provato un assetto totalmente nuovo – ha dichiarato il campione triestino – e la barca era ingestibile. Nell’ingavonata sono finito sulla sartia e mi sono rotto un paio di costole. Ora mi tocca un periodo di riposo…".

Problemi sono stati riscontrati anche da altri equipaggi nel corso della stessa regata, la Lemon Style (prova informale nata da un’idea degli allenatori presenti a Cagliari, per verificare il livello di preparazione raggiunto dai propri atleti) tra cui l'avaria registrata del bronzo olimpico Thomas Zajac che a cui si è addirittura spezzata una delle traverse che reggono i due scafi.
Insomma velocità e spettacolo non mancano, ma sulla sicurezza di questi piccoli bolidi sembra esserci ancora molto da fare.

Nessun commento

Luna Rossa New Generation selezioni per l’America’s Cup

Sono oltre 40 i giovani velisti che in questi giorni stanno partecipando a Cagliari alle selezioni per entrare a far parte del team di Luna Rossa. Sessioni serrate di allenamenti in mare e terra, di strategia, regolazioni e manovre, sviluppo della sensibilità e dell'intuizione, ma non solo, come sottolineano dall'organizzazione della squadra italiana in gara per la Coppa America. A essere valutati sono anche “il carattere, la predisposizione al lavoro di gruppo e la gestione dello stress, che costituiranno parte integrante della formazione e della valutazione finale”.

Del resto la posta in gioco è alta, i futuri “top gun” della vela azzurra saranno chiamati a confrontarsi con i migliori equipaggi del mondo ed è lecito pretendere il massimo. A coordinare questo programma di osservazione e selezione, chiamato “Luna Rossa New Generation”, sono i veterani Shannon Falcone e Pietro Sibello. Il primo vanta tra l'altro 6 partecipazioni alla Copa America e 2 alla Volvo Ocean Race, il secondo due presenze olimpiche, tre medaglie di bronzo mondiali sul 49er (anche campione europeo) nonché 2 partecipazioni in Coppa America. Due fuoriclasse che oltre a seguire il programma di formazione avrann anche un ruolo importante come membri di equipaggio.
Le selezioni, in cui si sono visti tra gli altri il laserista Francesco Marrai e il finnista Filippo Baldassarri, si svolgono sui Tp52, la barca con la quale il team di Luna Rossa sta curando la sua preparazione e con la quale da maggio parteciperà alle gare delle TP52 Super Series.

Nessun commento

Campionato Offshore Italiano: sono 15 le regate principali

Sono 15 gli eventi principali che nel 2018 contribuiranno ad assegnare il più ambito titolo nazionalie d'altura: quello del Campione Offshore Italiano. Il calendario pubblicato dalle Federazione Italiana della Vela (Fiv) si apre l'8 aprile con la “Roma per Tutti”, la regata che salpa da Riva di Traiano (Roma) è una delle più difficili del circuito 2018 che si conclude il 14 settembre con la Trieste - San Giovanni in Pelago – Trieste. Al titolo di campione italiano d'altura posso partecipare le imbarcazioni di lunghezza superiore ai 9 metri in equipaggio oppure nella categoria per due. Viene stilata una classifica a punti e la vincitrice è l'imbarcazione che avrà totalizzato il punteggio più alto calcolato sui cinque migliori piazzamenti. In caso di parità sarà considerato il migliore piazzamento ottenuto nella regata con più alto coefficiente di difficoltà. Di seguito i principali eventi del Campionato Offshore 2018.

8 Aprile - Roma per Tutti (Civitavecchia)
20 Aprile - La Lunga Bolina (Civitavecchia)
27 Aprile - EST 105 (Bari)
04 Maggio - La Duecento (Caorle)
11 Maggio - Regata dei Tre Golfi (Napoli)
27 Maggio - La Cinquecento (Caorle)
31 Maggio - 151 Miglia  (Punta Ala)
02 Giugno - Regata delle Torri Saracene (Mare di Stabia)
06 Giugno - Brindisi – Corfù  (Brindisi)
13 Giugno - Giraglia Rolex Cup (Genova)
15 Giugno - Regata dei Ciclopi (Tropea)
30 Giugno - Regata dei Cinque Fari (Palermo)
19 Luglio - Civitanova – Sebenico (Civitanova)
21 Agosto - Palermo – Montecarlo (Palermo)
14 Settembre - Trieste – San Giovanni in Pelago – Trieste (Trieste)

Nessun commento