Archivio della categoria Assovela

CAORLE: AL VIA LA DUECENTO

Il 3 maggio torna una delle regate più amate dell'Adriatico, La Duecento, organizzata dal Circolo Nautico Santa Margherita in collaborazione con il Main Sponsor Birra Paulaner, affiancato quest'anno da Vennvind, nuovo marchio di abbigliamento tecnico nautico che strizza l'occhio al glamour.

La venticinquesima edizione, quarta tappa del Campionato Italiano Offshore, valida per l'assegnazione del Trofeo Masserotti, si disputerà lungo il classico percorso da Caorle con rotta su Grado, dove doppiata la boa foranea inizierà la discesa verso l'isola di Sansego, con l'insidioso attraversamento del Quarnaro, per dirigere poi la prua verso il traguardo, per un totale di duecento miglia no stop.

A dieci giorni dal via in programma venerdì 3 maggio alle ore 10.00, sono una settantina le imbarcazioni iscritte, provenienti da tutto l'Adriatico e da Austria, Germania, Croazia, Slovenia, Francia e Svizzera.

"La stagione 2019 si è aperta con una bellissima edizione de La Ottanta, con la partecipazione di molti nuovi equipaggi, alcuni dei quali hanno scelto di correre anche a La Duecento." dichiara Gian Alberto Marcorin, Presidente del Circolo Nautico Santa Margherita "Una regata d'altura porta emozioni sia per chi cerca la vittoria o l'affermazione al Campionato Italiano Offshore, sia per chi l'affronta per la prima volta. Tagliare il traguardo, primi o ultimi, dopo aver vissuto tante miglia in condizioni diverse, è sempre una soddisfazione, a prescindere dal risultato."

La flotta più numerosa sarà quella della categoria XTutti, dove in aggiunta agli affezionati della competizione, ci saranno molti volti nuovi.
È presto per capire chi potrà scrivere il suo nome nell'albo d'oro dei vincitori, ma tra gli iscritti nella categoria XTutti c'è sicuramente chi pensa al Trofeo Paulaner Line Honor, come Rebel di Manuel Costantin con l'olimpionico Lorenzo Bodini al timone (già vincitore assoluto 2018 su Escandalo), Jack Sparrow, Stream 40 di Franco Bressan, Renoir G.S. 40 di Mario Pellegrini, i Millenium 40 Aurele di Piero Santin e Luna per te dello Sporting Club Duevele con Andrea Boscolo alla tattica e scafi più piccoli ma ugualmente competitivi come Overwind, Farr 30 di Lorenzo De Facci con l'esperto Francesco Rigon al timone.

Nella categoria X2, la battaglia si annuncia interessante, a partire dal campione croato di sci alpino (4 medaglie olimpiche) Ivica Kostelic, vincitore assoluto della 500x2 2018 che si presenta al via in coppia con Darko Prizmic sul Class 40 Croatia Full of Life, ai fratelli Cristiano ed Alessio Verardo sul loro Class 40 Kika Green Challenge e Città di Grisolera, FY45 di Franco Daniele con Cesare Bressan.
Non mancheranno gli habitué, come Black Angel di Paolo Striuli in inedita coppia con Federico Montagner, William B di Bottecchia/Trevisan, De Rossi/Pellegrini su Pokekiakkere, Yak 2 di Gallo/Biasio, Demon-X di Borgatello/Lombardo, Skip Intro di Romano/Favaro ed Andrebora di Roberto Mattiuzzo, che festeggia la sua decima partecipazione alla 200x2 in coppia con l'amico Francesco De Cassan.

La Classe Mini 650 vedrà al via nove equipaggi, tra cui i Proto Aquilante di Chiericato/Salviato e Satanas di Roberta Fazzana, e Serie come Liska di Bertotti/Molinaro, Pepper di Balbini/Zerbinati, Mira di Sassi/Tuzzato tra gli altri.

Come ogni anno, non mancheranno i Multiscafi con nove equipaggi, molti dei quali giungeranno dall'Europa del Nord per correre lungo i nostri mari caldi, oltre agli italiani Playtime di Ciscato/Vicentini e Turbolenta del barese Francesco Impellizzeri, presidente dell'Associazione Italiana Multiscafi, alla loro prima La Duecento.

L'edizione 2019 si aprirà giovedì 2 maggio presso il Villaggio La Duecento a Porto Santa Margherita, dove saranno presenti la segreteria e stand dei partner della regata, che animeranno il Piazzale Darsena.

La Duecento è organizzata dal Circolo Nautico Santa Margherita in collaborazione con le darsene cittadine Marina 4 e Darsena dell'Orologio, con il supporto del Comune di Caorle e la partnership di Cantina Colli Soligo, OM Ravenna, Dial Bevande, Aurora Scs, Marina Sant'Andrea, Antal, Astra Yacht Auto Davanzo.

La regata si correrà X2 e XTutti con i sistemi compensati ORC, IRC, Mocra e sarà possibile monitorare in tempo reale la posizione delle imbarcazioni, grazie ai sistemi di rilevamento satellitari SGS Tracking installati a bordo.
Le previsioni meteo saranno affidate al team di Trim-Translate Into Meaning e curate da Andrea Boscolo, esperto di meteo strategia per le regate.

Il bando di regata è on-line nel sito www.cnsm.org, per aggiornamenti, foto e video è attiva la pagina Facebook Circolo Nautico Porto Santa Margherita.


Nessun commento

CONCLUSA L’ALTURA DE “LA LUNGA BOLINA”

Anche quest'anno La Lunga Bolina riservata alle imbarcazioni di Altura è stata caratterizzata da venti abbastanza deboli, che non hanno però condizionato l'andamento della regata che è stata regolare e molto combattuta. Nel briefing del mattino prima della partenza di sabato la giuria, dopo attenta analisi del meteo ha scelto il percorso di circa 120 miglia che ha portato le imbarcazioni a circumnavigare, dopo aver doppiato l'Argentario, le Formiche di Grosseto, per poi fare ritorno a Riva di Traiano lasciando il Giglio a sinistra e Giannutri a destra.

Roberto Emanuele de Felice, Presidente del Comitato Organizzatore: "La decima edizione della Lunga Bolina - Trofeo Marevivo ha reso onore a se stessa ed ai suoi regatanti con una giornata di mare e di vela davvero entusiasmante. Il percorso, apprezzatissimo da tutti i partecipanti, ha consentito di esprimere a ciascuno le migliori doti tecniche e tattiche. Dobbiamo dare lustro ai vincitori, ma non dimentichiamo gli ultimi che, con tenacia marinaresca, hanno superato le bonacce senza arrendersi mai, continuando a regatare con indomito agonismo. Vi aspettiamo tutti alla premiazione che si terrà al Circolo Canottieri Aniene il 7 maggio alle 18.00".

"Guarda il Mare con occhi diversi": questo è il concept 2019 de "La Lunga Bolina - Trofeo Marevivo", lanciato per invitare tutti a rinunciare alla plastica usa e getta durante la regata.
Per i regatanti che vorranno aderire, dal giorno prima della partenza saranno messi a disposizione 1.000 litri di acqua minerale fino ad esaurimento. Il prelievo potrà essere effettuato da un'apposita cisternetta che sarà posizionata nell'area esterna della segreteria.
Ricordiamo questi importanti messaggi di Marevivo:
#StopSingleUsePlastic #Plasticfree #OcchioallaPinna (la App di Marevivio riservata agli avvistamenti).

Ufficio stampa de La Lunga Bolina
www.lalungabolina.it

Ufficio stampa Marevivo
www.marevivo.it


Nessun commento

PALERMO: 1ª TAPPA EUROCHALLENGE O’PEN SKIFF

Nella baia di Mondello sono due atleti di Procida ad imporsi nella prima tappa dell'EuroChallenge della classe giovanile O'pen Skiff. Dopo due giornate con vento intorno ai 6/7 nodi, che hanno permesso di disputare otto prove, ieri l'aria da Est, che da 13 nodi è salita sino a punte di 30 nodi, ha permesso di disputare una delle due prove in programma. Condizioni meteo che hanno messo a dura prova i più piccoli, ma che non hanno impedito agli azzurri Salvatore Mancino (LNI di Procida) e Manuel De Felice (Circolo Nautico Monte di Procida) di aggiudicarsi la vittoria di questa prima tappa del circuito europeo rispettivamente fra gli Under 13 e gli Under 17, davanti ad oltre sessanta equipaggi provenienti da quattro nazioni.
Nell'ultima prova il campano Salvatore Mancino ha chiuso in terza posizione, lasciando la vittoria della prova a Federico Quaranta (LNI di Taranto) che lo segue di due punti nella classifica generale. In terza posizione sale Domenico Pio Schiano di Scioarro, anche lui della LNI di Procida, che supera di due punti il palermitano Luigi Veniero, ieri un po' in difficoltà per via del vento forte. Sophie Macaluso, del Velaclub Palermo, si conferma la migliore fra le ragazze concludendo questa sua prima tappa dell'EuroChallenge in settima posizione assoluta.
Negli Under 17, il campione italiano in carica Manuel De Felice, un quinto posto dell'ultima prova poi scartato dal risultato finale, si mantiene in vetta alla classifica aggiudicandosi il primo posto davanti al tarantino Alessandro Guerrieri. Non è riuscito a mantenere la posizione da podio Pietro Cardelli del Club Nautico Rimini, che con il settimo di ieri è scivolato al quarto posto, lasciando così la medaglia di bronzo a Lorenzo Mancino, anche lui di Procida, determinato sino all'ultimo bordo nel raggiungere il podio.
In questa categoria la prima ragazza è la francese Jeanne De Kat che al termine della competizione sale in sesta posizione overall, lasciandosi alle spalle la polacca Janka Dmochowska.
"È stato davvero un bell'evento - ha detto il presidente della classe O'pen Skiff italiana e internazionale, Guido Sirolli - perché siamo riusciti a completare ben nove delle dieci prove in programma con condizioni varie che hanno permesso di far emergere veramente gli atleti più preparati. In acqua abbiamo avuto modo di sperimentare un nuovo percorso con un bordo in downwind a slalom che ha fatto davvero divertire i nostri ragazzi, in linea con lo spirito di questa classe velica. L'accoglienza dei siciliani e degli amici del Velaclub Palermo si è dimostrata ancora una volta eccezionale, con un'organizzazione impeccabile".
L'evento di Palermo, valido anche come II tappa del circuito ranking nazionale, precede di un mese l'Eurochallenge in programma a Sopot, in Polonia e che si conclude con il Campionato Europeo in programma a Travemünde, in Germania, dal 21 al 28 luglio, mentre la prossima regata O'pen Skiff in Italia sarà la III Tappa del circuito nazionale a Calasette, in Sardegna, dal 10 al 12 maggio.

www.facebook.com/openskiffclass/


Nessun commento

GENOVA: DIBATTITO SU VELA E COMUNICAZIONE

"Vela e comunicazione" è stato il tema centrale del corso di aggiornamento del Sigef che si è svolto il 16 aprile scorso alla Fiera del mare di Genova. Sono intervenuti esperti, docenti universitari, professionisti ed addetti del settore, provenienti da tutta Italia ed anche dall' estero, che sono presenti a Genova in questi giorni in occasione della Coppa del mondo della vela che, fino a domenica, vede impegnato un migliaio di velisti delle classi olimpiche, provenienti da tutto il mondo.
"È stata- ci ha spiegato Fabio Colivicchi, uno degli organizzatori - una giornata molto interessante con interventi, dibattiti ed approfondimenti sul rapporto tra lo sport della Vela ed il mondo dell'informazione.
Uno dei temi più importanti che è stato toccato è quello su come sia possibile migliorare la rappresentazione ed aumentare la presenza sui media, per una disciplina come la Vela, ricca di storia e di valori attualissimi.
A cercare di indicare la via per ottenere questo risultato sono stati gli esperti che hanno dato vita a questo primo forum su Vela e comunicazione. Diciamo che si è trattato del primo perché siamo intenzionati a proseguire su questa strada organizzandone un secondo in occasione del Salone Nautico che si svolgerà dal 19 al 24 settembre". Una intensa e proficua giornata di studio dunque con interventi di professori universitari, esperti, con ampio dibattito, mentre la conclusione è giunta attraverso gli stimoli di una animatissima tavola rotonda finale.
(Rosa Daros - Claudio Almanzi - Liguria Notizie/Mediterranenews)

Nessun commento

GENOVA: HEMPEL WORLD CUP SERIES – FINAL DAY

Ultima giornata di Hempel World Cup Series a Genova, tutte e cinque le Medal Race in programma sono state concluse oggi con una tramontana leggera, tra i 5 e gli 8 nodi. La squadra italiana chiude con la conquista della seconda medaglia della settimana, il bronzo della genovese Benedetta Di Salle con Alessandra Dubbini (Marina Militare/SV Guardia di Finanza) nel 470 femminile.

La loro era la prima Medal Race della giornata, partita con cielo coperto davanti alla foce del Bisagno, sulla linea di partenza anche le compagne di squadra Elena Berta e Bianca Caruso (CS Aeronautica Militare/Marina Militare); le italiane partivano da seconde e terze in classifica. Il quinto posto nella prova finale a punteggio doppio di Di Salle/Dubbini è stato sufficiente per salire sul podio genovese di World Cup Series, insieme alle vincitrici Fernanda Oliveira ed Ana Luiz Barbachan (BRA) e le cinesi Mengxi Wei con Hayan Gao, medaglie d'argento.

"Abbiamo replicato il successo della World Cup di Enoshima, anche lì abbiamo vinto la medaglia di bronzo - raccontano le ragazze al rientro - abbiamo perso una posizione rispetto a ieri sera, ma l'obiettivo era salire sul podio e ci siamo riuscite, va bene un terzo! Una medal race con pochissimo vento, due lati con pompaggio in cui ci siamo impegnate anche fisicamente, e poi è stata per lo più una prova tattica. Siamo contente e felici di aver vinto a Genova che è la città dove siamo cresciute velisticamente".

Anche nei Finn c'era una bandiera tricolore, quella del diciottenne Federico Colaninno (YC Gaeta) che ha chiuso quinto la manifestazione internazionale genovese. A vincere nei Finn il brasiliano Jorge Zarif, secondo e terzo gli spagnoli Alex Muscat e Joan Cardona Mendez.

"Siamo contenti, ci aspettavamo segnali prestativi e li abbiamo avuti - dichiara il Direttore Tecnico FIV Michele Marchesini - anche qualcosa in più delle aspettative, soprattutto nel 49er FX. Bene per le due medaglie, ma anche Berta e Caruso, nonostante non siano finite sul podio, sono state molto brave. La settimana è stata complicata dal punto di vista meteo, con i primi tre giorni in cui ci siamo trovati in regime di alta pressione ed abbiamo regatato con brezze leggere e con direzioni insolite. È stato tutto molto tecnico, l'abbiamo pagato all'inizio, in alcune classi eravamo in notevole difficoltà, ma poi siamo usciti dall'impasse e questo non può che essere valutato in maniera positiva. Quest'anno la stagione sarà lunga e con un calendario difficile soprattutto per alcune classi, ed infatti quelle verranno trattate come fossero due stagioni."

La Hempel World Cup Series di Genova volge quindi al termine, dopo una settimana di grande impegno sia a terra che in mare da parte degli organizzatori, World Sailing in collaborazione con Federazione Italiana Vela, Yacht Club Italiano, Regione Liguria e Comune di Genova, che per la prima volta sono riusciti a portare una tappa di World Cup Series in Italia. Quasi 800 velisti, 350 equipaggi provenienti da ogni parte del mondo, si sono dati appuntamento qui sul percorso che porterà alcuni di loro alle Olimpiadi di Tokyo 2020, ed il prossimo anno, torneranno a Genova per un'altra settimana di grande vela.

"Abbiamo chiuso con una bellissima Medal Race da parte delle ragazze del 470 - dichiara Francesco Ettorre, Presidente FIV - eravamo gli unici con due barche sulla linea di partenza. Tra ieri ed oggi il numero di equipaggi impegnati nelle prove riservate ai migliori dieci è davvero soddisfacente, anche la sorpresa di Federico Colaninno quinto nei Finn. Alla conclusione di questa prima tappa di World Cup Series a Genova, un evento davvero impegnativo, posso dire che siamo felici di vedere gli atleti soddisfatti, il vento è stato leggero, ma si sono sempre disputate regate regolari e già da adesso cominciamo a pensare al prossimo anno, alla seconda edizione di HWCS Genova. Ma ora l'impegno degli atleti e dei tecnici deve essere rivolto ai prossimi Campionati Europei delle classi olimpiche, per poi andare tutti in Giappone, sul campo olimpico, per il test event e le World Cup Series."

Ogni giorno SAP Sailing Analythics offre il tracking, il meteo e le informazioni tecniche live sul loro sito
http://sapsailing.com/

L'organizzazione
Oltre alla sinergia ed all'impegno degli organizzatori - World Sailing, FIV, YCI e SSI - importante il contributo delle istituzioni: Regione Liguria, Comune di Genova - delega allo Sport e Camera di Commercio. Un fattivo contributo è stato dato da enti, associazioni sportive e volontari che hanno dimostrato lo sforzo corale della città nell'accogliere per la prima volta un evento così importante. Un grande contributo, quindi, anche da parte di: Yacht Club de Monaco, Yacht Club Sanremo, i circoli della Seconda Zona FIV, i volontari dell'Accademia della Marina Mercantile, del Liceo Linguistico Internazionale Grazia Deledda e dell'Istituto Professionale Alberghiero Marco Polo, oltre a Capitaneria di Porto ed Istituto Idrografico della Marina.
Grazie alle società partecipate del Comune, AMIU, ASTER, AMT, Porto Antico, Fiera di Genova, UCINA CONFINDUSTRIA NAUTICA ed I Saloni Nautici, AMICO &Co, Convention Bureau e CWAY, CROCE ROSSA ITALIANA.


Nessun commento